Ethan Iverson Quartet with Tom Harrell Common Practice

Ecm, distr. Ducale (2019)

1. The Man I Love
2. Philadelphia Creamer
3. Wee
4. I Can’t Get Started
5. Sentimental Journey
6. Out Of Nowhere
7. Polka Dots And Moonbeams
8. All The Things You Are
9. Jed From Teaneck
10. I’m Getting Sentimental Over You
11. I Remember You

Tom Harrell – tromba
Ethan Iverson – pianoforte
Ben Street – contrabbasso
Eric Mcpherson – batteria

E’ un live registrato al Village Vanguard nel 2017. E questo lo rende ancora più accattivante, soprattutto per la perfetta interazione tra i quadrumviri: presentarli appare del tutto pleonastico, perché fanno già parte del gotha jazzistico internazionale. Una scaletta variegata, che prende in prestito le note del George Gershwin di “The man I love” dilatate da Iverson in un’introduzione quasi onirica prima di affidarla alla modanatura raffinata di Harrell, complici le spazzole di McPherson. C’è la sempreverde “All The Things You Are”, della premiatissima coppia Kern-Hammerstein, incalzante, sostenuta nella tenerezza innata del suono di Harrell. Fa bella mostra in questo simposio da Tin Pan Alley, “Polka Dots And Moonbeams” di Jimmy Van Heusen, recitata da manuale nel cambio di scena tra tromba e pianoforte, con la scansione temporale affidata a un impeccabile Ben Street. Classicissimi a parte, c’è anche il post-bop di Denzil Best con i movimentati segmenti musicali di ” Wee”, che liberano l’energia di Harrell con le sue ascese nel registro acuto e una significativa abilità nel gestire il volume sonoro; risponde alla pari Iverson, che sciorina delle cadenze entusiasmanti con una cascata di arpeggi, e per chiudere arriva il gustoso assolo di McPherson.

C’è anche la firma di Iverson che licenzia “Philadelphia Creamer”, un brano d’antan, blues al punto giusto.